Il sistema di pagamento entro la fine del 2021 creerà un software che consentirà ai clienti degli istituti di credito di interagire con le criptovalute Il colosso dei pagamenti Visa ha annunciato il rilascio del proprio sistema (API) per l'acquisto di criptovalute, che sarà integrato dalle banche. Il lancio del prodotto è previsto per la fine di quest'anno. Il primo utente del servizio sarà la banca digitale First Boulevard.

L'Anchorage Depository, la prima banca crittografica con licenza federale degli Stati Uniti, memorizzerà bitcoin e altre criptovalute a vantaggio dei clienti Visa. Anchorage è stata autorizzata dall'Office of the Comptroller of the Currency (OCC) a metà gennaio.

9.8
9.6
9.4

Si presume che gli utenti saranno in grado di prelevare denaro digitale su portafogli esterni. Questa sarà la principale differenza rispetto a PayPal, che ha restrizioni sui prelievi. In precedenza, Visa ha collaborato con 35 progetti crittografici, aiutandoli a emettere carte di pagamento. Ma lavorare con le banche è la prima iniziativa del genere di un sistema di pagamento.

A settembre 2020, Visa ha annunciato che stava sviluppando un sistema di pagamento offline basato su una valuta digitale. Il suo rappresentante ha poi parlato della cooperazione con le banche centrali di diversi paesi, creando le proprie valute digitali. La maggior parte dei clienti di criptovaluta di Visa è specializzata nelle versioni digitali delle valute legali. Ad esempio, Visa collabora con Coinbase e Circle, gli emittenti della stablecoin USDC sostenuta dal dollaro USA.

Nella primavera del 2020, Visa ha presentato una domanda di brevetto per la creazione di una valuta digitale basata su blockchain che sarà controllata da un "computer centrale". L'applicazione elenca i vantaggi rispetto ai sistemi di pagamento fiat, inclusa la velocità delle transazioni e la fiducia degli utenti.